Inventore di una tecnica che aggiunge una nuova dimensione alla musica pop degli Anni Sessanta, produttore di album entrati nella leggenda, Phil Spector ancora oggi sconta una pena a diciannove anni per la morte violenta di un’ attrice. Indagine sul lato oscuro di un artista genialoide ossessionato dalle pistole. Testo e voce di Alberto Gini.

Crediti musicali:
“Delay Rock”, “Big Rock” e “Sax, Rock, and Roll” by Kevin MacLeod (incompetech.com)
License: CC BY (http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/)

Nell’immagine: Phil Spector in compagnia di una pistola e di una guardia del corpo.

1 comment on “Phil Spector, ossessione a tempo di rock

  1. gabriele ha detto:

    interessante un lampo di societa’ americana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.